fbpx

Eccoci qui, potete mettervi comodi (ormai avrete capito che a noi piace così) per questo nuovo articolo di Sarti Digitali,
questa volta parleremo di qualcosa che conosciamo tutti molto bene… Insomma, più o meno bene, perchè se ogni nozione fosse alla portata di chiunque, forse non stareste leggendo il nostro blog, anche se una piccola parte dentro di noi ci suggerisce che lo fareste lo stesso perchè siamo simpatici, carini e ben poco coccolosi.
Ok, torniamo a occuparci di cose serie come i social network… Vi vediamo già con un sopracciglio alzato e l’espressione illuminata da un velo di scetticismo, però sì, questa volta abbiamo ragione noi,

i  Social Network sono una cosa seria.

Specialmente quando diventano terreno lavorativo.

Lasciate perdere le foto di vostra cugina al mare, a meno che non sia Belen Rodriguez non vi frutterà niente (senza nulla togliere a vostra cugina) e prendiamoci un momento invece per osservare l’ambientino intorno a noi – aziende, un sacco di aziende, dalla multinazionale alla pasticceria sotto casa, tutte presenti su qualche piattaforma a sbatterci in faccia la loro cosa.
Siamo sicuri che questo scenario vi sia conosciuto, ma allora la domanda è:

Essere presenti sui social, con la propria attività, può ritenersi parte del lavoro?

NO!
Domanda trabocchetto.
La risposta giusta è no, essere attivi sui social con la propria attività non è parte del lavoro, perchè di fatto è un lavoro di per sè

Di che lavoro stiamo parlando?

E in cosa si differenzia da quello che può fare ognuno di noi smanettando con uno smartphone?
La risposta, in questo caso, è semplice e quasi scontata, la Competenza del Social Media Manager.

Social Media chi? 

Il Social Media Manager, ovvero quel professionista che si occupa della presenza delle aziende sui social network.

Le  sue competenze sono molteplici, e si possono acquisire solo attraverso lo studio, la pratica e l’esperienza.

Quindi cosa fa il Social Media Manager?

Osserva, analizza, si aggiorna, crea e pubblica i post più utili per la vostra attività, ma andiamo a vedere più nello specifico cosa si cela dietro a questo procedimento.

Il punto di partenza di ogni Social media manager è, senza dubbio, la conoscenza approfondita del funzionamento dei social che andrà a utilizzare.
Facebook, Instagram, LinkedIn sono solo degli esempi delle varie piattaforme che si possono utilizzare.

Il secondo passo del Social media manager è studiare il vostro progetto, e dopo averlo conosciuto come le sue tasche andrà a creare una digital strategy che terrà conto sia del vostro target che dei vostri competitor.

Saprà individuare i social network più adatti per il vostro progetto, e li gestirà per voi, curando la presenza della vostra attività mantenendosi in linea con il vostro brand.

Una parte importante del lavoro del Social media manager è la creazione di un piano editoriale, che definirà la frequenza della pubblicazione dei post, gli argomenti da trattare, e i formati da utilizzare.
Per esempio, video, immagini, testo.

A questo punto entra in campo la necessità di monitorare e soprattutto interpretare i dati raccolti dai post, così da poter anche gestire in modo più efficace il budget per i post sponsorizzati.

Chi crea i post?

 Nella maggior parte dei casi, è il Social media manager stesso a creare i contenuti da pubblicare, grazie alle sue competenze versatili in più campi, e soprattutto grazie alla sua capacità di avere una visione di insieme.

L’ultimo, importante, compito del Social media manager è gestire le interazioni con gli utenti, e fare da moderatore in eventuali discussioni.
Nessuno deve essere lasciato senza una risposta o reazione.

Quindi le chiavi dorate per la professione del social media manager sono la competenza e la creatività.

… Le foto della cugina al mare le tengono chiuse nel cassetto. !)